La Dieta Senza Muco: Non Per Tutti

Arnold Ehret

dieteSpesso leggiamo riguardo a una dieta o l’altra che si alternano sulle pagine delle varie riviste o rubriche del genere “Salute & Benessere”. Vengono a turno alla ribalta diventando di moda per un periodo più o meno lungo, fino a quando dura la spinta pubblicitaria, per poi scomparire. Gli inventori o i promotori spesso aggiungono che la dieta da loro proposta è per tutti. Queste diete hanno momenti di gloria, vengono osannate, provate e poi gradualmente abbandonate per lasciare posto alla prossima.

Il fattore che le accomuna è la pretesa che la loro applicazione possa essere universale, come sostenuto dai “dietologi da rubrica della salute post telegiornale” e sono basate sugli errati concetti della salute formulati dalla scienza ortodossa. La stessa scienza che continuamente fallisce nel trovare soluzioni definitive e vere ai mali che affliggono l’umanità. Un esempio tipico è la dieta mediterranea, in pratica la dieta onnivora, argomento principe dei dietologi, che potremmo definirla come la dieta ufficialmente riconosciuta dalla “scienza medica di stato”.

Nonostante il risultato del sostenere la validità di questa “dieta mediterranea” e di promuoverla sia un mondo obeso e malato, poco viene fatto dai canali ufficiali per migliorare le cose perché questo fa parte dello status quo attuale in cui gli interessi commerciali delle multinazionali sono prioritari. Le multinazionali che operano nel campo dell’alimentazione e della salute prosperano agendo in maniera tale da pregiudicare la salute dei cittadini, vuoi per ignoranza che per malafede, e per continuare le loro proficue attività devono anche continuare a mentire e a disinformare.

In questo mondo disinformato e condizionato, la Dieta Senza Muco si distacca da tutte le altre in maniera così marcata da apparire estrema, ma la verità è che la nostra civiltà si è allontanata così tanto dalla Natura che è ciò che è naturale ad apparire estremo. In questo senso si potrebbe pensare che la Dieta Senza Muco sia estrema quando invece rispecchia lo stile di vita naturale dell’Uomo.

La Dieta Senza Muco non può essere separata dal Sistema di Guarigione a cui da il nome. In realtà stiamo parlando di un campo molto più vasto della sola alimentazione e che include anche la salute, la consapevolezza e la corretta percezione del mondo.

Medici Ehretisti

Molte persone mi scrivono, informandomi che hanno letto i materiali del sito di Arnold Ehret, e che vorrebbero quindi un nominativo di un medico che possa seguirli nella pratica della dieta senza muco.

Purtroppo non ne conosco, ufficialmente non ce ne sono. Un medico “ehretista”, dovrebbe essere un medico che ha ripudiato quasi tutto quello che ha imparato all’università, altrimenti non potrà seguire nessuno che faccia la dieta senza muco, perché il punto di vista di un ehretista collide in diversi punti con quello di un medico ortodosso.

disturbi variLo scoglio più grande è la “Teoria dei Germi”, prima pietra della medicina ufficiale. Secondo questa teoria, dei microrganismi sono la causa delle malattie che vengono definite dalla scienza ufficiale a seconda dei sintomi che sono presenti quando è in atto una determinata malattia.

Sappiamo invece che quelle che vengono definite malattie altro non sono che classificazione di gruppi e tipi di sintomi. I sintomi sono la manifestazione di processi di disintossicazione che il corpo mette in atto per liberarsi di veleni e tossine.

Ora un medico che, osservando dal punto di vista della medicina ortodossa, notasse la presenza di sintomi di un tipo o di un altro, prodotti dalla pratica del Sistema di Guarigione della Dieta Senza Muco, diagnosticherebbe disturbi o malattie. Se per esempio il Sistema di Guarigione farà espellere un sacco di muco dai polmoni e il respiro sarà difficoltoso e ci sarà la febbre, ecc., verrà diagnosticata una polmonite e sarà quindi “curata” con antibiotici, che bloccheranno il processo di disintossicazione, i sintomi scompariranno e il paziente verrà considerato guarito. Naturalmente la Dieta Senza Muco verrà incolpata di aver indebolito il corpo al punto tale che l’organismo è stato colpito dalla polmonite, o cose del genere.

Un medico che decidesse di vedere le cose come le ha viste Ehret, dovrebbe ammettere che all’università gli hanno insegnato un sacco di falsità, e questo spesso è difficile da digerire. Ma se riuscisse a rinunciare a una carriera tranquilla dietro una scrivania a etichettare persone come diabetico, cardiopatico, o diagnosticarle come affette da una o da altre patologie, e venire per questo ricambiato con un tenore di vita soddisfacente con molti benefits e facilities riservati alla classe medica, se superasse questo scoglio allora sarà l’establishment medico che lo attaccherà per aver osato contraddire il grande Pasteur e la consolidata teoria dei germi.

Esempi di questo sono Hamer e Montinari, solo per citare due casi abbastanza recenti.

Nonostante questo, non è escluso che un medico che ha capito il gioco rimanga poi integro e fedele a ciò che per lui è vero e divenga un medico ehretista, e posso assicurare avrebbe un sacco di lavoro da fare! Non per prescrivere farmaci o operare chirurgicamente, ma aiutando chi ha bisogno di una mano a diventare poi autosufficiente nella pratica del Sistema di Guarigione della Dieta Senza Muco.

La principale difficoltà

Una volta letto il libro possono avvenire o non avvenire dei cambiamenti nel set di credenze a cui è di solito aggrappato un individuo. Ci sono persone che sono totalmente convinte che la scienza e la medicina in particolare rappresentino la corretta conoscenza che considereranno Ehret e chi lo segue dei matti o perlomeno delle persone un po’ strambe.

Alcuni hanno preso per anni farmaci di diverso tipo, per esempio contro le allergie, che si sono ripresentate regolarmente ad ogni primavera, o sono allergici alle fragole o alle ciliege, e ora arriva questo tipo dalla fine dell’800 che dice che tutto è disintossicazione! Ma scherziamo? E se smetti di prendere i farmaci e ti viene uno shock anafilattico?

Per le persone che la pensano nel modo descritto nei due paragrafi precedenti, la dieta senza muco non fa per loro – ammesso che si accingano a farla. Al primo sgradevole sintomo di disintossicazione abbandoneranno la dieta, spaventati o perlomeno contrariati. Solo la comprensione ti libera dalle paure.

Poi ci sono persone che hanno capito i concetti basilari del Sistema di Guarigione della Dieta Senza Muco, sanno che si fonda su valide basi, fa senso, ma vogliono essere seguiti da un medico che li rassicuri, non necessariamente un medico ehretista, ma un medico ortodosso che dica a loro che va tutto bene, o che li aiuti in caso di difficoltà.

Queste persone hanno capito a metà, con riserva. Hanno compreso che la dieta senza muco ha un filo logico, ma sono ancora soggette al condizionamento mentale che viene impartito fin dalla nascita e dal controllo ravvicinato che la medicina esercita costantemente sulla salute del cittadino. Si nasce in ospedale, si viene seguiti dal pediatra, poi dal medico di famiglia, che a sua volta delega agli specialisti per ogni sintomo che riesce a rilevare durante una visita e infine si muore in ospedale. Nascere e morire nella propria casa ormai avviene solo per caso. La quasi totalità delle persone non sa nulla riguardo alla salute, pensa che solo la scienza sappia e accetta supinamente ogni cosa che esca dalla bocca di un’autorità, e permette che ogni fase della sua propria vita venga .medicalizzata, come se il vivere stesso fosse una malattia.

Nel praticare la dieta senza muco, vorrebbero essere seguiti da un medico, per essere tranquilli, nel caso che succeda qualcosa, non si sa mai. Ma chi si facesse seguire da un medico ortodosso non riuscirà a farla per molto. Non appena il muco esce dal naso e dalla gola, gli verrebbe detto che si è preso l’influenza, fai il vaccino. Se ha il mal di testa, sintomo di disintossicazione, potrebbe sentirsi dire che ha la cefalea a grappolo che va curata in un certo modo, se ha le feci compattate nel colon gli verrebbe consigliato di prendere un lassativo, mai un clistere. Alla fine visti i tanti disturbi che la dieta gli sta procurando, verrebbe consigliato di smettere.

Un medico ortodosso non può essere di alcun aiuto nella pratica della dieta senza muco, quindi chi ritiene che il suo consiglio sia determinante per la scelta nel seguire o meno la dieta, è meglio che non inizi neanche. La fiducia nella medicina oggi è mal riposta. Quanto possono essere attendibili i consigli che provengono da una categoria che di sicuro è la terza causa di morte, probabilmente la seconda?

Che la dieta senza muco non sia per tutti, non significa che non possa funzionare per chiunque che non abbia già fatto a pezzi il suo proprio corpo. Solo il nostro atteggiamento nel fare qualcosa determina il successo o il fallimento. Funziona per tutte quelle persone che si sono liberate o vogliono liberarsi dal condizionamento sociale, pensano con la propria testa, non negano l’evidenza dei fatti, guardano le cose al di là delle apparenze, e non si trattengono dall’andare oltre ad esse solo perché a volte le apparenze possono essere più piacevoli della realtà.

Un nuovo modo di pensare

Leggendo i libri “Il Sistema di Guarigione della Dieta Senza Muco” e “Digiuno Razionale” è subito chiaro al lettore che l’autore, il Prof. Arnold Ehret, non la pensava allo stesso modo dei colleghi del suo tempo e dei medici ortodossi di oggi, che sotto l’aspetto che descrivo nei prossimi paragrafi, non hanno fatto alcun progresso da allora.

Il pensiero di Ehret non rappresenta un’opinione piuttosto che un’altra, ma si basa su riscontri e risultati ottenuti con l’applicazione dei veri fondamenti della salute e della malattia su pazienti, alcuni considerati terminali, incluso Ehret stesso, dalla medicina ufficiale. L’autore spiega in maniera semplice e efficace, come vengono prodotte le malattie e offre il modo per curarle con il suo sistema, ma per poterne usufruire è necessario liberare la propria mente da tutta una serie di credenze. E’ stato pressoché impossibile evitare che queste credenze venissero impiantate nella nostra testa fin dall’infanzia.

La scienza medica usa i “paroloni” per dare importanza alle sue fallaci teorie, consapevole che il profano, non conoscendone il pieno significato (ammesso che abbiano sempre un significato intellegibile) si convincerà che se vuole capire la sua malattia e guarirne dovrà farsi aiutare da un rappresentante della classe medica. Il prestigio, la reverenza e i privilegi immeritati spesso riservati alle autorità nel campo medico, in questi tempi un po’ di meno, nascono da questo presunto divario che separa il profano dall’addetto ai lavori.

Questa scienza dei paroloni, spesso citati anche dai pazienti stessi fieri di avere una malattia dal nome importante, “cura” sopprimendo i sintomi della malattia, non rivolgendosi mai alle cause ma agli effetti della malattia, e quindi non guarisce mai, ma perpetua lo stato malato del suo paziente, e quando l’organo “in cura” proprio non vuol saperne di guarire, lo taglia via e lo getta nel bidone dei rifiuti speciali. Così, per esempio, se prima dovevano ripetutamente operare qualcuno per rimuovere i calcoli alla cistifellea, ora che gliela hanno rimossa non si riempirà più di calcoli.

Ehret ha realizzato che tutte le malattie elencate nei cataloghi e manuali medici non sono altro che etichette date a sintomi di disintossicazione. La disintossicazione è semplicemente il processo di rimuovere tossine, veleni e sostanze estranee che impediscono il corretto svolgimento delle funzioni che ogni organismo deve svolgere al fine di rimanere in perfetta salute.

Il corpo svolge costantemente attività di disintossicazione senza che l’individuo debba fare qualcosa di specifico. E’ possibile constatare questo processo in atto osservando i sintomi che compaiono mentre è in atto e le tossine vengono espulse. Questi sintomi sono anche indicatori di un processo di guarigione. Processo di disintossicazione e processo di guarigione sono lo stesso processo. La scienza medica blocca costantemente questo processo con dei farmaci, impedendo alle tossine di venire espulse, perpetuando lo stato di malattia nel corpo del paziente.

Facciamo un esempio:
Se una persona beve tanto latte o mangia molti latticini, questi creeranno depositi di muco in vari organi del corpo. Particolari condizioni, come l’esposizione a sbalzi di temperatura ambientale possono accendere un processo di disintossicazione e del muco viene espulso dal naso o dalla gola come catarro ed è possibile che la temperatura del corpo aumenti. Se semplicemente si osservasse quello che sta avvenendo, cioè che del muco sta uscendo, e lo si lasciasse uscire e si omettessero i cibi da cui quel muco è derivato, latte e latticini in questo esempio, prima o poi il corpo riprenderebbe a svolgere le sue funzioni come e meglio di prima.

Se invece si mantengono le credenze che costituiscono la struttura di questa società, perennemente in preda alla malattia (basta che guardi le cifre di quanto viene speso in farmaci, ospedali, ecc. per avere conferma di quanto affermo), verra spontaneo pensare di “avere contratto l’influenza” si prenderanno i farmaci per “curarla”, pensando che la si è presa “in forma alleviata” perché ci si è fatti “preventivamente” vaccinare contro il “virus” che arriva dal Belucistan.

La Dieta Senza Muco è Per Tutti

In pratica la dieta senza muco libera il corpo dalle tossine a condizione che venga praticata come Ehret insegna, attenendosi anche ai suoi consigli e avvertenze, con calma e tranquillità. Possiamo considerare i due libri “Il Sistema di Guarigione della Dieta Senza Muco” e “Digiuno Razionale” i manuali di riparazione del corpo umano. E con i dovuti accorgimenti come spiegato nei libri, di fatto è accessibile a tutti, se ci si mette nell’ordine di idee necessario per recepirla. Questo significa studiare bene i libri di Ehret, verificare su se stessi osservando i risultati nella pratica, farla per un tempo considerevolmente lungo perché i cambiamenti possano manifestarsi, comprendere che non è basata sugli stessi principi delle diete tradizionali e che chi non la conosce e non la pratica potrebbe dire a chi invece la fa che sta sbagliando tutto e cose del genere e tentare di scoraggiarlo.

Un modo di non ottenere risultati, oltre a non seguire i “manuali delle istruzioni”, è quello di mantenere vecchi preconcetti e falsi nozionismi del campo della salute e della medicina ufficiali. Un altro è quello di aver compreso i principi di base parzialmente e quindi avere poi delle riserve, dubbi, tendenza a criticare il Sistema di Guarigione, dicendo che è buono solo in parte, ma che certe cose non credono che siano corrette. Dicono questo fornendo spiegazioni che si basano su teorie della Medicina ortodossa, e questo solo dimostra che sono ancora effetto del condizionamento sociale e hanno conservato le loro credenze precotte. E ottengono solo risultati parziali e non durevoli e prima o poi abbandonano la dieta.

Ma se sei davvero interessato a ottenere la salute perfetta, non avrai difficoltà a liberarti dal condizionamento sociale in atto in ogni settore della vita del terzo millennio.

Non mancheranno quelli che insistono nel sostenere che i virus sono la causa delle malattie, e che quindi i vaccini sono necessari, che la ricerca è diretta a scoprire la cura del cancro o di qualsiasi altra malattia, che le medicine curano e non permetteranno a se stessi di verificare che sia vero il contrario. In questo caso possiamo dire che la dieta senza muco non fa per loro.

Auguro che siano pochi, o perlomeno sempre meno, quelli che negano a se stessi questa opportunità. Se hai iniziato a cercare la verità, se ti sei posto domande del tipo:”Chi sono io veramente?”, “Che cosa ci faccio qui?” e “Che cos’è tutto questo in cui conduco la mia esistenza?” e hai cominciato a capire che quasi nulla di quello che esce dalla bocca dei “luminari” della scienza è vero, allora non ti sarà difficile comprendere “Il Sistema di Guarigione della Dieta Senza Muco” e trarne beneficio, non solo materiale, praticando la dieta.

Questo è un risultato ottenuto da questa mamma americana:

mamma americana ehretista

Negli articoli o nelle colonne laterali del sito inserisco link a prodotti pertinenti che se acquisti le società alle quali sono affiliato incluso Amazon mi riconoscono una piccola percentuale. Consideralo un compenso meritato per il tempo impiegato per gli articoli che pubblico che molti utenti ritengono utili.

Comments are closed.

Pin It on Pinterest