Da dove viene la tua B12?

Informazione

di Luciano Gianazza

B12 dalle fogneDi tanto in tanto, mi vengono fatte domande sul perché si dovrebbe prendere l’intero alimento – piuttosto che i supplementi di minerali o vitamine. A parte il fatto che la Natura ci ha fornito buona parte del mondo vegetale come riserva alimentare, è purtroppo ovvio che oggi l’abuso delle risorse del pianeta, lo sfruttamento intensivo e l’avvelenamento del suolo, la programmazione culturale del junk food a cui siamo quotidianamente sottoposti, ci hanno reso vita dura nel trovare il cibo adeguato.

Alcuni possono ritenere di aver bisogno di supplementi per essere sani e attivi. Voglio perciò fornire alcune informazioni, provenienti da dietro le quinte delle belle confezioni colorate e decorate con i fiorellini, per far comprendere la differenza fra i supplementi derivati da alimenti interi ed i supplementi di vitamine e minerali in forma di pillole che siano qualcosa di diverso dall’alimento naturale essiccato o disidratato.

Di che cosa è realmente fatta la maggior parte dei supplementi di minerali e vitamine? Quasi tutti sono sintetizzati dagli stessi materiali usati dall’industria chimica-farmaceutica per fare i farmaci — catrame di carbone fossile, petrolio, sottoprodotti da scarti animali, rocce in polvere e conchiglie.

Molto raramente derivano da vegetali e cereali biologici freschi, essiccati e ridotti in polvere con attenzione, senza aggiunte di eccipienti come amidi, lattosio, soia, solfato di magnesio, ecc.

Come viene ottenuta la B12

Quando non è diversamente specificato la vitamina B-12 non estratta da alimenti vegetali proviene da una delle seguenti due fonti:

  1. Fegato bovino macinato sovraccarico di steroidi, antibiotici, erbicidi e pesticidi presenti nel mangime con cui l’animale è stato “nutrito”.
  2. Fango chimicamente attivato proveniente da sedimenti fognari — materia fecale — M……!

Questo fango contiene molta B-12 ed è una materia prima molto economica. Sulle confezioni a volte c’è scritto prodotto non di origine animale o simili diciture, ma non viene specificata la sua origine, altrimenti penso che pochi comprerebbero il prodotto. Tutti i produttori e i loro tecnici di laboratorio considerano che una vitamina è una vitamina – da dove viene è irrilevante finché il pubblico non viene a saperlo e non genera “un’avversione emozionale” al prodotto, come viene chiamata nel giro dei pasticcari.

Le altre vitamine del gruppo B sono ottenute dal catrame di carbone fossile e dal petrolio.

Come vengono invece ottenuti di solito i supplementi di minerali? I produttori acquistano il minerale inorganico di miniera e lo polverizzano finemente. Questi sono noti come minerali metallici. Il 98% del prodotto non può essere assimilato dal sistema digestivo. Solo i minerali di origine vegetale sono sostanze nutrienti per il corpo – possiamo ottenere il nostro ferro dall’uva e dalle verdure a foglia verde, ma non dalle rocce macinate.

Ci sono depositi sparsi qui e là sul pianeta di minerali di origine organica che si sono formati in ere molto remote quando la vegetazione rigogliosa è stata sepolta improvvisamente e conservata sottoterra. I minerali di questi depositi sono solubili in acqua ed è per questo che sono venduti solitamente come supplementi liquidi. Sono importanti principalmente per l’elevato numero di oligo-elementi che contengono piuttosto che per fornire la quantità sufficiente dei minerali principali quali calcio, potassio, magnesio e ferro, di cui abbiamo bisogno in quantità relativamente grandi. Queste macro-sostanze nutritive possono essere ottenute da una dieta vegetale, che inoltre fornisce tutti gli altri co-fattori che permettono al corpo di trarre beneficio dai minerali. I co-fattori sono enzimi, vitamine ed altri minerali che devono essere presenti perché il corpo possa assimilarli.

I biochimici ed i nutrizionisti hanno riconosciuto che è molto più efficace fornire al corpo una vasta gamma di sostanze nutritive per numero piuttosto che per quantità eccessiva, piuttosto che somministrare le mega-dosi di una sostanza nutritiva isolata. Le mega-dosi di diverse sostanze nutritive possono causare la carenza di altre. Nel caso di megadosi di vitamine e minerali, occorre assicurarsi che venga somministrato tutto lo spettro dei minerali e delle vitamine. (Non una montagna di ferro o di vit.C, per esempio, causerebbe la carenza degli altri elementi.)

È meglio fornire al corpo una varietà di cibi interi e crudi, che contengono i loro enzimi vivi, e una gamma completa di oligo-elementi organici. In questo modo il corpo può scegliere esattamente dalla dieta cosa ha bisogno.

In seguito alla pubblicazione dell’articolo, ho ricevuto emails da persone che mi chiedevano una fonte migliore di quelle discusse. il mio suggerimento è di non puntare sulla pastiglia di B12, perchè estraendo e isolando la B12 dalla meravigliosa orchestra e sinergia di nutrienti da un alimento vegetale, forse non funzionerebbe più granché…

Uno studio clinico svolto due anni fa dall’Università di Urbino, evidenziava già, su soggetti a normale alimentazione “standard” mediterranea, come l’aggiunta di Klamath aumentasse e migliorasse l’assimilabilità di B12.

Negli articoli o nelle colonne laterali del sito inserisco link a prodotti pertinenti che se acquisti le società alle quali sono affiliato incluso Amazon mi riconoscono una piccola percentuale. Consideralo un compenso meritato per il tempo impiegato per gli articoli che pubblico che molti utenti ritengono utili.

Comments are closed.

Pin It on Pinterest